Un po’ di mare… e un po’ di pesce

Un po’ di mare… e un po’ di pesce
Qualcuno tra voi – ne sono certo – ama più di tutto la prima onda del mare, quella che ci arriva quando si muovono dalla battigia, piano piano, i primi passi dentro l’acqua freschissima e limpida.
Altri tra voi – sono certo anche di questo – ama più di tutto navigare a largo e tuffarsi, raggiungere in un baleno le profondità, dove tutto si fa più imprevedibile e intenso.
Io nel tempo ho imparato ad amarle entrambe, queste emozioni.
E dopo questi lunghi mesi di sospensione dalle emozioni, mi sono detto: perché mai dovrei scegliere? Perché mai, soprattutto, dovrei spingere i miei ospiti a scegliere?
Così ho composto un antipasto in due tempi, un doppio trittico, che attraversa il mare dalle sponde fino al largo e dal largo tutto indietro fino agli scogli, risalendo dai fondali alla superficie, per poi tuffarsi nuovamente giù, dove i riflessi di luce danno ad ogni cosa sfumature magiche di un altro colore.
Ci immergiamo in Un po’ di mare… con un raviolino di gambero rosso e lattuga di mare, una polpetta di patate in una zuppa di ricci e una nuovissima versione della mia intramontabile ostrica tonic, con crema di mandorla, melanzana, bottarga e Vecchio Samperi.
E a questo punto siamo pronti ad andare più a fondo, a prendere Un po’ di pesce… con una triglia fritta che ho inseguito a lungo, perle di alici con finocchioetto e crema di cipolla, polpo grigliato con rosmarino e crema di semi di zucca.
Sentite il profumo dell’estate?!
Read more
I nuovi trucioli di pasta: il profumo della terra
Attraversare la campagna d’estate, dopo che il grano è già ...
Dall’Ova Murina all’Ova Marina, per celebrare la mia Sciacca
Quand’ero molto piccolo, la frittata era in assoluto tra i ...
L’uovo a la coque. Un dolce per Pasqua
Ho ideato questo dolce per la Pasqua del 2004 e ...

Leave a Reply